Home Incontri salutari Incontro con la naturopatia e l'osteopatia

Nel mese di Novembre

Curethedance♥© offre un “incontro salutare” a tutti gli iscritti.

Prenota il tuo appuntamento
Christian Lunghi D.O. N.
+39 3487336482
Tariffa : 60,00euro
Sconto 20% per gli iscritti

Io e ...Curethedance♥©

Un giorno ho incontrato  Therapeia, l’arte di prendersi cura, ovvero l’essere al servizio che nel suo significato originario non si riferisce come avviene invece per il termine moderno di terapia alla malattia fisico-biologica, bensì  accompagnare la condizione umana nella sua esistenza.

Un giorno ho incontra la Naturopatia, la scienza che studia il “percorso naturale” dei sistemi biologici occupandosi della funzione: “lo scopo per il quale qualcosa è ideato o esiste”. Tale definizione ci porta a considerare l'idea di funzione nella categoria concettuale di “scopo” o “progetto” , inoltre ci suggerisce che non possiamo comprendere la funzione di una persona senza comprendere nel contempo il suo scopo.

Un giorno ho incontrato l’Osteopatia:” lo scopo dell’Osteopata  è di trovare la salute, chiunque può trovare la malattia”  A.T. Still . L’infinito viaggio della ricerca della salute, dell’espressione del proprio scopo, talento, anima, della interdipendenza o meglio coerenza tra struttura e funzione, concetto che supera l’idea di olismo: non la relazione tra le strutture ma  l’idea che la struttura sia un UNICUM e che funzioni contemporaneamente nell’unicum!!!

Un giorno ho incontrato la danza, quella danza che si rivolge alla parte ancora sana della natura umana presente in ogni essere, per quanto malato e confuso sia.

"...in ogni fase della vita, dal concepimento alla senescenza, nel rispetto delle sue peculiari e personali esigenze biologiche, Alessandra Grasso". Un giorno ho incontrato Curethedance♥©."

 

Christian

Christian Lunghi D.O.N.M. ROI (professionista certificato ACCREDIA n.32) - 3487336482


Osteopatia e Naturopatia nella Danza e nelle Arti Performative.


Sempre più spesso, compagnie di danza, compagnie teatrali, di circo contemporaneo, come atleti e squadre di fama internazionale di tutto il mondo si affidano all'osteopatia come alle altre medicine complementari e alternative (CAM- OMS 2010). Nelle specialità professionali la struttura muscolo scheletrica viene spinta a sollecitazioni estreme in cui vengono a galla i problemi di base dell'apparato locomotore. Spesso questi disturbi non sono evidenti all'inizio della stagione ma si manifestano in incidenti (strappi, blocchi, debolezze, dolori) quando il corpo non è più in grado di compensare lo squilibrio. All’inizio di ogni stagione ogni atleta-performer-danzatore  è sottoposto a un esame completo (meccanica, postura, metabolismo); questo ha lo scopo di individuare le problematiche in atto e i punti deboli che potrebbero pregiudicare le prestazioni durante la stagione. Non è infatti sufficiente accertare l’idoneità del professionista perché, essendo sottoposto a situazioni estreme, l’organismo deve essere in condizioni di perfetta integrità. Altrimenti, come è esperienza comune, si avrà un calo della forma a stagione inoltrata. L’atleta-danzatore-performer potrebbe essere seguito in modo personalizzato per mantenere un alto livello di competitività e contribuire a un recupero veloce dopo gli eventuali traumi subiti.

Dal 1990 esiste una Associazione scientifica per la medicina della danza ( www.iadms.org ), formata da scienziati della danza, operatori medici e sanitari della danza, educatori e pedagogisti della danza, circa 900 membri in tutto il mondo tra cui anche osteopati impegnati in pubblicazioni scientifiche, rivista e convegno annuale con atti pubblicati; nel confronto con il lavoro dell IADMS ha attirato la mia attenzione il lavoro del collega  Peter Luton Brain D.O. ( Membro IADMS) che con l’ “Associazione di Ricerca in Medicina della Danza” (www.admrdanse.com)  è riuscito a sposare la sua professione di danzatore con quella di terapista corporeo e osteopata. Questi e molti altri ricercatori hanno incoraggiato il nostro lavoro con i danzatori-performer verso un ulteriore salto dal prodotto di una performance economica – confortevole e non dolente ad un processo che coinvolge l’individuo nel percorso di attuazione del suo progetto personale.

 

Che cos’è la naturopatia?

La Naturopatia è una filosofia, una scienza e una pratica basata sull'utilizzo di molteplici metodi naturali volti all’educazione, al mantenimento ed alla tutela della salute dell'essere vivente posto in relazione con le caratteristiche costituzionali individuali e le influenze ambientali, in equilibrio con le leggi biologiche che ne regolano l'esistenza. È lo studio attraverso modelli interpretativi moderni, delle osservazioni che le filosofie tradizionali hanno usato per capire i fenomeni biologici: una lettura olistica della biologia per la ricerca della salute.

 

Chi è il naturopata?

Il Naturopata è un professionista che opera in maniera del tutto autonoma rispetto alle figure professionali sanitarie (medici, psicologi, ecc.).

Il compito del Naturopata professionista consiste essenzialmente nel favorire le condizioni propizie affinché venga ripristinato l'equilibrio sistematico mente-corpo e, nel contempo, vengano stimolate le capacità di autoguarigione proprie di ogni individuo.

Disintossicazione, rivitalizzazione, stabilizzazione sono  tre concetti fondamentali della Naturopatia.

Il naturopata si impegna nella promozione della salute individuale e sociale attraverso l’utilizzo delle più aggiornate metodiche preventive ed olistiche non invasive, il suo lavoro verte  sull’informazione, sull’ educazione alla gestione e al rafforzamento delle risorse fisiche psichiche ed emozionali dell’individuo;

Nella valutazione naturopatica l’operatore procede individuando il terreno costituzionale dell’individuo per mezzo di una osservazione sistematica delle manifestazioni psico-fisiche, delle predisposizioni agli squilibri bioenergetici, della sintomatologia relativa a squilibri già instaurati; tutto ciò grazie ad una griglia di indagine fedele alle metodiche tradizionali cinesi, mediterranee antiche e costituzionali moderne (Biotipologia) nonché di tecniche pratiche di conferma: Reflessologia(plantare, auricolare, corporea, iridologica), Kinesiologia, Grafologia olistica (la Scuola di Clinica Olistica e La Scuola di Grafologia Italiana dell’Università di Urbino hanno lavorato molto assieme).

Il Trattamento Naturopatico degli eventuali squilibri energetici avviene attraverso modelli e tecniche  non invasivi mirati a stimolare le potenzialità dei sistemi di autoregolazione dell’ organismo:

Reflessologia (plantare, auricolare, corporea)                    Erboristeria classica mediterranea

Floriterapia tradizionale di E.Bach                           Igiene alimentarefunzionale

Tecniche di meditazione e rilassamento (respirazione, visualizzazione creativa, meditazione attiva)

Che cos’è l’osteopatia?

L’osteopatia è una  scienza che tramite una metodica manuale propria, osserva e indaga la globalità del paziente per scoprire le zone in disequilibrio nel corpo.

L’occhio registra l’armonia dell’individuo nell’ambiente, l’adattamento nello spazio della testa, delle spalle, della colonna, del bacino e il radicamento al suolo, ricevendo informazioni sull’organizzazione delle tensioni tissutali.

La mano dell’osteopata ascolta la qualità, ovvero la densità, la tensione e la fluidità specifica di ogni tessuto o organo, al fine di trovare l’ostacolo che mantiene l’individuo in un stato di salute alterato.

La conoscenza dell’anatomia e della fisiologia permettono all’osteopata di rendere scientifica e coerente l’informazione raccolta dalla sua mano e lo guidano nella scelta dell’intervento terapeutico.

Il gesto osteopatico è la sintesi risultante dal lavoro di osservazione, palpazione e conoscenza, sia dell’anatomia patologica, che della globalità dell’individuo.  L’intervento manuale costituito da pressioni, stiramenti e tocchi leggeri,  restituisce mobilità alle strutture interessate. In tal modo incoraggia e supporta la capacità di ripristinare l’equilibrio proprio di ciascun individuo.

Chi è l’osteopata?

L’ osteopata è un appassionato di Anatomia, Fisiologia e Biomeccanica che aiuta l’individuo a recuperare la salute mediante un attento utilizzo delle proprie mani. Egli si concentra sullo scheletro del corpo, sulla struttura delle ossa, sui muscoli, sui tessuti e sugli organi interni considerando ogni persona come individuo. Per mezzo delle sue mani, riconosce anomalie funzionali (disfunzioni somatiche osteopatiche) presenti all'interno del corpo umano. Usando uno stretching delicato e manipolazioni , lavorano con il corpo per creare le condizioni migliori affinchè il processo di guarigione venga.

Osteopatia, Naturopatia e ricerca della Salute.

L’operatore Osteopata e  Naturopata  svolge un’ azione complementare al medico e agli altri operatori della salute, non in senso alternativo,bensì collaborativo, per la prevenzione della salute e per un corretto stile di vita. I trattamenti proposti verranno personalizzati e studiati singolarmente caso per caso secondo un approccio olistico.

Generalmente lo standard di trattamento si struttura in una seduta a settimana per tre o 4 settimane con rivalutazione al termine, in cui si termina con dei consigli utili a stabilizzare i risultati raggiunti, o se necessario si opta per un secondo ciclo di trattamento. Unica condizione richiesta è una piena fiducia nella Vis Sanatrix Naturae ovvero nel potere rigeneratore della natura.

Nota: Queste nuove figure professionali sono integrate non solo nel mio lavoro quotidiano: tale connubio accade naturalmente nella storia delle due scienze e pratiche tanto da divenire percorso di studi integrato in alcuni college europei (http://www.bcom.ac.uk/) con approvazione sia del  General Osteopathic Council (http://www.osteopathy.org.uk/)che del General Council & Register of Naturopaths  (http://www.naturopathy.org.uk/ ). In Italia ambedue le figure si stanno adoperando per un riconoscimento pari a quello raggiunto dai colleghi all’estero, grazie al fervido lavoro delle due associazioni di categoria (http://www.naturaliter.org/http://www.registro-osteopati-italia.com/ ) e grazie “alla buona pratica” quotidiana degli operatori.